14 giugno 1542

Il Sadoleto riferisce in concistoro sulla situazione modenese



A seguito della sua missiva agli accademici, il cardinale Sadoleto ricevette le risposte di Ludovico Castelvetro, Alessandro Milani, Giovanni Grillenzoni e Francesco Porto, troppo simili fra loro per non essere concordate. Con caute reticenze, tutti tentavano di attribuire alla malignità di alcuni frati e alla confusione delle loro posizioni con quelle di alcuni «plebei» ignoranti le dicerie sul loro conto, mentre loro si occupavano solo degli studi.

Il 14 giugno, mentre il testo redatto dal Contarini veniva recapitato a Modena, il Sadoleto riferiva in concistoro.

Il giorno seguente si rivolse di nuovo agli accademici, chiedendo che scrivessero a Roma e indicando il contenuto che avrebbero dovuto avere le loro lettere. Si trattava, in sostanza, di far apporre la loro firma sotto una dichiarazione di fedeltà alla chiesa cattolica e alle sue dottrine, finendo per convergere sull’idea iniziale del Morone.


torna alla cronologia

about

cronologia della riforma protestante e della presenza evangelica a Modena

more

cronologia

news

4/12/2017 - 1517-2017. 500° anniversario della Riforma protestante
Pubblicazione dei cartelli della mostra nella sezione download

tools


owner

evangelicimodena.it

 
cookie policy